Sponsored Post Learn from the experts: Create a successful blog with our brand new courseThe WordPress.com Blog

WordPress.com is excited to announce our newest offering: a course just for beginning bloggers where you’ll learn everything you need to know about blogging from the most trusted experts in the industry. We have helped millions of blogs get up and running, we know what works, and we want you to to know everything we know. This course provides all the fundamental skills and inspiration you need to get your blog started, an interactive community forum, and content updated annually.

Diritto d’autore #linf14

Dal grande Andreas Formiconi

Andreas Formiconi

Prologo

Se il ‘900 è stato il secolo del consumo di massa, l’attuale già si caratterizza sia per il consumo che per la produzione di massa, con tutte le connotazioni positive e negative che ciò può comportare.

Nel secolo scorso il cittadino comune si doveva preoccupare di non infrangere i diritti degli autori di cui consumava le opere, per esempio copiandole e distribuendole indebitamente. Il discrimine fra lecito e non lecito era facilmente definibile, perché infrangere la normativa del diritto d’autore comportava di per se un impegno e un costo notevole, quindi una precisa e facilmente identificabile volontà.

Lo scenario si è molto complicato da quando i bit sono diventati il principale supporto di rappresentazione e di comunicazione di quasi tutti i tipi di opere. L’esplosione dei social network, dove chiunque può diffondere qualsiasi cosa con pochi click ha sconvolto in pochi anni lo stato di cose precedente.

Nella sezione…

View original post 3.373 altre parole

EDITING MULTIMEDIALE

Lavoro video finale del corso di Editing Multimediale della Italian University Line (Università on line Università di Firenze/Indire).
App utilizzate: Camtasia – Free Audio Editor- Gimp2

Andreas… Avevo provato con il Lamia Textor … lo giuro!!! Ma l’ispirazione non veniva. Dopo tre giorni, mi sono rivolta alla Disney.. non saranno Lamia textor, ma sempre animali sono!!!!

SOTTOTITOLARE UN VIDEO CON AMARA

Uno tra  gli open-source più interessanti del web  è sicuramente Amara. Amara è un progetto ideato per la sottotitolazione collaborativa dei video, ideata per permettere a persone con difficoltà uditive di usufruire di video, tutorial, lezioni…

E’ un’applicazione abbastanza semplice ed intuitiva e come detto collaborativa, esiste infatti una community  a cui iscriversi e si può sottotitolare video scelti personalmente, oppure collaborare alla sottotitolazione di video aperti da altri.Quindi il mio percorso di editing multimediale inizia con l’iscrizione ad Amara e la sottotitolazione collaborativa di un video proposto dal prof Formiconi.

L’iscrizione l’avevo già fatta precedentemente, perché avevo già avuto esperienza di sottotitolazione. Quindi insieme ai colleghi di corso cominciamo a sottotitolare il video proposto dal Professore, utilizzando gli strumenti messi da Amara.

Sottotitolando il video proposto, mi viene in mente che in classe stiamo facendo la preistoria e c’è una canzoncina divertente che posso sottoporre ai bambini per staccare un po’, sicuramente sarebbe più divertente cantarla tutti insieme.

Quindi cerco su youtube il video della canzone lo carico su Amara e lo sottotitolo.

Contemporaneamente  ho fatto un video personale su un avatar che ho creato con il programma Lenovo You Cam.

Lo strumento della seconda attività: Audacity – #edmu14

Andreas Formiconi

Prima di tutto procuriamoci lo strumento: useremo Audacity che è software libero. Ecco come installarlo:

Poi registrare un brano e salvarlo…

Operazioni di taglio e sostituzione…

Aggiustamento dell’amplificazione dell’input

Accompagnando con la rilettura della sezione “La radio” (pag. 79) e “Il suono e il computer” (pag. 100) de “i bambini e l’ambiente”.

Quindi baloccatevi: provate a registrare qualcosa e a farci qualche operazione esplorando i menu. Poi faremo qualcosa.

View original post

Staniamolo… – #edmu14

Andreas Formiconi

Allora, dal post Che animali sentite nel bosco? avevate scaricato un primo file di lavoro.

Ci abbiamo riconosciuto il cuculo e, con un po’ di fatica in più, il capriolo. Manca ora il terzo animale misterioso. Due o tre di voi l’hanno trovato ma noi continuiamo il gioco per tutti – paleseremo tutti i commenti alla fine.

Vi aiuto un po’ a stanarlo, con un altro file di lavoro, dove ho “evidenziato” ulteriormente il “verso”. Scaricatelo, caricatelo in Audacity, fatelo girare ciclicamente con Attività->Riproduci ciclicamente… stoppatelo col solito tasto quadrato prima di diventare matti… riflettete su quali potrebbero essere state le operazioni necessarie per “evidenziare” il suono, osservate la differenza fra le due tracce… (cercate il pezzo corrispondente nel brano originale e confrontatelo)

View original post